“Generatori”, il progetto per sviluppare la cultura del volontariato

Generazione di generatori, ambasciatori del volontariato e di buone pratiche per il bene della società. OPES(Organizzazione Per l’Educazione allo Sport), Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI, ha ufficialmente lanciato il Progetto “Generatori”Cofinanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ai sensi dell’art. 72 del Codice del Terzo Settore, di cui al decreto legislativo 117/2017 – annualità 2017, si propone di far emergere nel corso dei prossimi 18 mesi un gruppo di giovani, generatori di pratiche volontarie ed ideatori di iniziative utili alla collettività della loro città o zona geografica.

Con questa iniziativa OPES, da sempre attenta alle problematiche della società e in prima linea nel trasmettere alle nuove generazioni dei valori positivi, vuole sviluppare una cultura diffusa del volontariato, soprattutto tra i ragazzi di età compresa fra i 14 e i 19 anni. Per raggiungere questo obiettivo e per creare una società equa, pacifica ed inclusiva, il Progetto “Generatori” sarà attivato in tutte le Regioni d’Italia. In 24 città dello Stivale verranno coinvolti 24 Istituti secondari di secondo grado e 24 strutture sportive per un totale di 25 mila teenagers che entreranno in contatto con l’iniziativa. Da quei luoghi di aggregazione, dove i giovani trascorrono gran parte della loro giornata, emergeranno i 500 “Generatori” che accederanno ad una formazione extrascolastica di 20 ore e nasceranno 100 nuove organizzazioni di volontariato.

I “Generatori” saranno in grado di attivare ed avviare campagne di volontariato in diversi ambiti, anche se un’attenzione particolare sarà rivolta alla cura dei beni pubblici dei rispettivi territori. Il Progetto prevede il lancio di un contest che premierà le migliori campagne di volontariato. Il monitoraggio di tutta l’iniziativa sarà prerogativa di un comitato scientifico composto da rappresentanti del mondo della scuola, della Protezione Civile, della Croce Rossa Internazionale della Regione Lazio e di OPES.

La portata dell’iniziativa cofinanziata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali è talmente ampia che non promuoverà soltanto il volontariato nelle aree urbane o nelle periferie delle città, ma sarà in grado sia di sperimentare forme innovative di associazionismo sia di sviluppare un senso civico di appartenenza alla comunità, ricercando in primo luogo il bene comune.