Articoli

Generatori accolto con grande entusiasmo a Marina di Modica

È successo tutto in maniera spontanea, inaspettata e veloce. Sono bastate poche parole per aprire un confronto vibrante e fervido sul tema del volontariato. Quando si mettono insieme o si incontrano degli atleti fra i 14 e i 19 anni ed un progetto che promuove il bene comune e concetti come cittadinanza attiva, può succedere tutto questo. Non è magia, ma senso di responsabilità, partecipazione civica, interesse specifico per un tema e amore per il prossimo e per il proprio territorio. Lo scorso 21 agosto, a Marina di Modica, il Progetto Generatori di OPES, ospitato dal comitato provinciale di OPES Ragusa nel corso della prima edizione della Serata dello Sport, ha vissuto una serata speciale grazie ai contributi e ai pensieri positivi forniti dai teenager siciliani, atleti e sportivi delle associazioni dilettantistiche della provincia di Ragusa. Quello che doveva essere un semplice meeting, un appuntamento di presentazione per far conoscere le finalità e gli obiettivi dell’iniziativa di OPES che è cofinanziata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, si è trasformato ben presto in un coinvolgente scambio di opinioni costruttive, domande e risposte tra i ragazzi e i relatori del progetto che vuole conferire nuova linfa ad un pilastro della società italiana: il volontariato. L’interesse dei giovani è stato sbalorditivo. Chi ha partecipato all’happening di Marina di Modica ha potuto respirare voglia di fare, necessità di realizzare un servizio utile alla comunità e desiderio di mettersi in gioco. Questa disposizione o predisposizione ad intraprendere e ad essere attivi e protagonisti, con ogni probabilità, si trasformerà da semplice aspirazione ad intenzione e poi in un’azione.

Infatti, alcuni giovani atleti siciliani saranno selezionati e parteciperanno alla seconda fase del progetto, quella che prevede una formazione extracurricolare di 20 ore. Al termine di questo percorso, quelli che diventeranno i futuri Generatori di buone pratiche saranno in grado di realizzare il loro progetto di volontariato nel territorio d’origine.

Se tra qualche mese in Sicilia, ed in modo particolare a Marina di Modica o in un’altra città della provincia di Ragusa, nascerà almeno una delle 100 associazioni di volontariato previste dal progetto Generatori, molto probabilmente il merito sarà di una semplice iniziativa realizzata in una calda serata di agosto durante un evento che ha unito sport e spettacolo. E, aggiungiamo noi, anche il volontariato.

Generatori a Magliano Sabina per 7 giorni

In attesa dell’apertura delle scuole e dell’inizio della seconda fase, quella che vedrà i 500 Generatori di buone pratiche partecipare al percorso formativo di 20 ore extracurricolari, il progetto Generatori di OPES continua il suo tour in giro per l’Italia. L’obiettivo rimane sempre quello di incontrare i giovani tra i 14 e i 19 anni per promuovere tra le future generazioni concetti chiave come: cittadinanza attiva, volontariato e bene comune. Imparare a conoscere simili parole, magari facendole proprie, coltivandole, difendendole e al tempo stesso diffondendole tra i propri simili, vuol dire donare nuova linfa all’associazionismo volontario, al Terzo Settore e a tutto il tessuto sociale italiano.

Tra il 27 luglio ed il 3 agosto l’iniziativa di OPES, cofinanziata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, è stata accolta a Magliano Sabina. Nell’ambito della campagna di sensibilizzazione promossa dal Dipartimento Nazionale della Protezione Civile “Anch’io sono la Protezione Civile“, 30 ragazzi hanno potuto constatare l’impegno quotidiano e volontario di uomini e donne che mettono al servizio del loro territorio parte del loro tempo. Grazie alle testimonianze riportate, alle storie narrate, alle dimostrazioni e a quelle simulazioni che hanno permesso loro di immedesimarsi nei volontari della Protezione Civile, questi teenager hanno compiuto un passo consapevole verso la generazione di iniziative utile ai loro concittadini e alla comunità.

 

 

 

 

 

Il 2 aprile appuntamento all’IPSSEOA Buontalenti

Rinnovare il volontariato e creare dei Generatori di buone pratiche per il bene della comunità, coinvolgendo in prima battuta i ragazzi e le ragazze fra i 14 e i 19 anni di età. Con queste finalità il progetto “Generatori”, ideato dall’Ente di Promozione Sportiva OPES e cofinanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali (ai sensi dell’art. 72 del Codice del Terzo Settore, di cui al decreto legislativo 117/2017 – annualità 2017), sta attraversando l’Italia per entrare negli Istituti secondari di secondo grado e negli impianti sportivi, ovvero i luoghi di maggiore aggregazione dei teenager. Martedì 2 aprile anche la culla del Rinascimento contribuirà alla rinascita di un settore fondamentale per il tessuto sociale italiano. Dalle ore 10:00 alle 12:00, gli studenti dell’I.P.S.S.E.O.A. “Bernardo Buontalenti” di Firenze si confronteranno con le tematiche di Generatori.

Nel corso della presentazione, i ragazzi, oltre ad essere informati sulle modalità di svolgimento e sugli obiettivi del Progetto, ascolteranno le testimonianze dei relatori, uomini e donne che ogni giorno si mettono al servizio dei cittadini e del territorio, svolgendo attività di volontariato. Dall’incontro di Firenze, così come sta avvenendo ad ogni appuntamento nazionale, emergeranno i futuri Generatori di buone pratiche e di iniziative utili alla ricerca del bene sociale che, dopo aver intrapreso un percorso formativo extracurricolare della durata di 20 ore, contribuiranno alla costituzione di 100 nuove associazioni di volontariato. Durante la fase di formazione, i Generatori parteciperanno anche ad un contest che premierà la migliore campagna o azione.

 

La portata e l’importanza di un progetto come Generatori è notevole. A dimostrarlo ci sono i patrocini a carattere nazionale (Pontificio Consiglio della Cultura e Agenzia Nazionale dei Giovani) e territoriale (2 Uffici Scolastici Regionali, 9 Regioni e 16 Comuni) che accompagnano lungo il “Bel Paese” l’iniziativa di O.P.E.S. (Organizzazione Per l’Educazione allo Sport), un Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI che si afferma realtà di Terzo Settore a tutti gli effetti.